martedì 8 marzo 2016

Recensione: "Un'annata straordinaria" Gloria Pigino





Titolo: Un'annata straordinaria
Autore: Gloria Pigino
 Editore: Youcanprint
Prezzo ebook: € 3.99











Buon pomeriggio lettori,
come procede la vostra giornata? Io tutto sommato non posso lamentarmi anche se per ora gli impegni sono raddoppiati!! 
Il libro di cui vi parlo oggi è "Un'annata Straordinaria" il secondo volume che si vede preceduto da "tralci della stessa vite" (recensione qui).

Trama:
Dall'arcobaleno di colori delle Langhe di "Tralci della stessa vite" all'ovattato ed introspettivo autunno londinese... ritroviamo la protagonista Matilde alle prese con il suo complesso ed intrecciato percorso verso la maternità. Tra sorprendenti colpi di scena, l'autrice ci prepara ad accogliere e a brindare ad una nuova, splendida... annata straordinaria!


Tutto ricomincia così come lo avevamo lasciato nel finale pieno di suspense di "Tralci della stessa vite". Ritroviamo la nostra Matilde in preda allo sconforto, alla delusione, al dolore che l'ha portata ancora una volta a rinunciare a vivere nelle sue amate Langhe, ma soprattutto a rinunciare  all'amore della sua vita da cui aspetta un figlio: Edoardo.

Senza lasciare notizie di se, Matilde si incammina sola e confusa e ritorna a Londra, per cercare di trovare la pace e l'equilibri necessario affinchè possa portare alla luce una creatura, frutto di un amore impossibile.
Infatti scopriamo che poco dopo aver dato la notizia della gravidanza all'adorata nonna, Matilde viene a conoscenza di una sconvolgente verità; Edo in realtà è suo fratello. 

La notizia come è normale che sia getta Mati nella tristezza e nello sconforto più totale. Come potrà rinunciare al suo Edo? La lontananza forzata a cui ricorre non saranno affatto sufficienti a rimuovere un sentimento radicato fermamente nelle profondità delle loro anime.
I mesi scorrono lentamente, e vediamo una Matilde triste, chiusa in se stessa, che non ha più voglia di vivere. L'unica cosa che ancora la tiene legata a questo mondo è il suo bambino, che a poco a poco le sta crescendo dentro. Il resto è il nulla. 

Edo dal canto suo è confuso, non sa perché la sua Matilde lo ha abbandonato ancora una volta senza nessuna spiegazione. Cosa sarà successo? Il loro amore è una menzogna? Lo ha solo illuso?

Come andrà a finire la storia tra Mati e Edo? Troveranno pace? Il loro amore trionferà? 



Ebbene, questo capitolo conclusivo di questa serie di romanzi è stato pieno di emozioni, ancor di più che nel primo. Vediamo i protagonisti messi a dura prova da una verità che sembra impossibile da aggirare. L'amore che pur vince tutto non sembra sufficiente ad accettare la delicata situazione in cui la coppia viene a trovarsi. 
Lo scorrere delle pagine rende tutto  molto realistico in un connubio di suoni, sapori ed emozioni che permettono al lettore di immedesimarsi completamente nella trama del libro.

Ognuno di loro non vuole rinunciare all'altro, vorrebbe lottare, costruire una famiglia insieme, mettere alla luce un bambino che abbia entrambi i genitori che si amino e rispettino. Ma se è la natura ad essere contraria? Come si può soprassedere ad un legame parentale così stretto? 

Il libro approfondisce temi reali, particolari e delicati dando modo al lettore di riflettere, di porsi domande e di chiedersi come avrebbe agito se si fosse trovato in quella situazione, 
Personalmente il romanzo mi ha dato la possibilità di creare un mio punto di vista a riguardo di chiedermi fino a dove l'amore può spingersi, se davvero questo sentimento può erigersi sopra ogni cosa. Ma ancora di più ho realizzato che non bisogna mai arrendersi, che non importa quanti ostacoli, difficoltà, prove la vita ci ponga lungo il nostro cammino non bisogna mai perdere la speranza, né darsi mai per vinti. Perchè dopo mille difficoltà la vita ci sorriderà e la luce brillerà nei nostri cuori e nelle nostre vite! 

Una lettura davvero interessante, che merita di essere letta e compresa!

Voto: 3 e mezzo/5


                   E mezzo






Io vi mando un bacio 

Alla prossima
-Angel <3

0 commenti:

Posta un commento