martedì 12 gennaio 2016

Moovie of the week: Sherlock The Abominable Bride






Titolo: Sherlock L’abominevole sposa
Data Uscita: 12-13 Gennaio 2016
Genere: Giallo, Drammatico
Regia: Mark Gatiss, Steven Moffat
Attori: Benedict Cumerbatch, Maritn Freeman
Sceneggiatura: Mark Gatiss, Steven Moffat
Produzione: Hartswood Films
Distribuzione: Nexo Digital
Paese: Gran Bretagna
Durata: 90 Min






Anno nuovo, rubriche nuove,
ebbene si miei cari lettori, ho deciso di fare una rubrica che pubblicherò 2 volte al mese, e che tratterà di un'altra delle mie passioni, il cinema.
Confesso che è stato proprio questo film a farmi venire l'idea l'altra sera, più che altro perchè oggi come tre sere fa mi serve uno sfogo su questa meraviglia che è Sherlock.
Non prendetemi per pazza, il film come indicato sopra sarà disponibile nelle sale italiane solo il 12 e il 13 gennaio grazie a Nexo Digital e solo in alcune sale aderenti all'iniziativa.
Io ho seguito la diretta sulla BBC, in primis perchè prediligo la visione in lingua originale, ma anche perchè doppiare Benedict è un vero e proprio oltraggio all'umanità xD!! 


Attenzione: il seguente articolo è volta ad essere una recensione del film, pertanto chi ancora non lo ha visto, potrebbe incorrere in spoiler.
Continua la lettura a tuo rischio e pericolo ;) 

Trama: 
Cosa accadrebbe se il più famoso detective al mondo e il suo migliore amico vivessero in una Baker Street fatta di treni a vapore, carrozze a due ruote, cappelli a cilindro e redingote? Per la prima volta al mondo Benedict Cumberbatch (nei panni di Sherlock Holmes) e Martin Freeman (in quelli dell’immancabile Watson) sbarcheranno al cinema con Sherlock. L’abominevole sposa, l'inedito episodio speciale in abiti vittoriani della serie investigativa più amata degli ultimi anni. Il 12 e 13 gennaio, infatti, gli spettatori italiani troveranno su grande schermo Benedict Cumberbatch e Martin Freeman per un appuntamento cinematografico attesissimo. L’episodio, intitolato Sherlock. L’abominevole sposa e mai visto sino ad oggi, sarà corredato da 20 minuti di riprese aggiuntive e da una visita guidata al 221B di Baker Street con il produttore esecutivo Steven Moffat.


Trailer: 







Ebbene si, dopo due anni di astinenza, Sherlock Holmes e l'immancabile John Watson, interpretati dall'accopiata vincente Cumberbatch, Freeman sono tornati.
Inutile nascondervi che aspettavo questo speciale da tanto, tanto tempo e le mie aspettative sono state ripagate anche più del dovuto.



Il film apre le danze con espliciti riferimenti al primo episodio della serie "uno studio in rosa”. Oggi come allora l'incipit è segnato dall'inconfondibile voce narrante di  John Watson che ci racconta le vicissitudini della guerra anglo- afgana del 1880, e della sua difficile condizione di reduce di guerra che gli impedisce di tornare a reinserirsi nella Londra vittoriana
Come nel presente, così come nel passato, grazie all'incontro con Mike Stamford, Watson alla ricerca di un nuovo appartamento si ritrova alle prese dell'eccentrico Sherlock Holmes, che anche questa volta fin dal primo incontro, espone dettagliate informazioni circa l’identità di Watson (lasciandolo ovviamente a bocca aperta) seppur i due non si sono mai incontrati prima d'ora. 

Watson si ritrova così ad essere coinquilino in una villetta all'indirizzo famosissimo di 221b Baker Street


Ma andiamo al caso posto all'attenzione del duo,  da un Lestrade con tanto di basette, che insieme ai magnifici baffi di Watson, rimarranno nella storia per tutti i secoli dei secoli xD....
Una donna, il giorno dell'anniversario del suo matrimonio, vestita da sposa, spara alla folla, centrando alcuni innocenti uomini, per poi suicidarsi.
Direte voi, e quindi? caso risolto? 
Non credo proprio, visto che poche ore dopo la donna in questione, il cui corpo giaceva all'obitorio, è ricomparsa davanti al marito uccidendolo e successivamente dileguandosi in pieno stile fantasma.
Pochi mesi dopo, è un altro uomo, amico di Mycroft (per chi non lo sapesse, fratello di Sherlok), ad essere minacciato dal fantasma di questa donna, l'abominevole sposa appunto. 

Sherlock e Watson faranno di tutto per salvare la vita di quest uomo minacciato da questa entità fantasma. 

<<<We all have ghosts,Watson. They are the shadows which cloud our sunniest day>>

Il nostro amato Scherlock, è ben lungi dal credere che si tratti realmente di un fantasma. Razionale, lucido, come sempre, cercherà una logica e plausibile risposta a questo caso complicato. 



Sherlock Holmes: [angry, as Watson seems to believe in ghosts] Then use your brain, such as it is, to eliminate the impossible, which in this case is the ghost, and observe what remains, which in this case is a solution so blindingly obvious even Lestrade could work it out!



La risposta arriverà molto prima del previsto ed avrà le sembianze della nemesi più attesa di sempre: Moriarty. 
Non vi sto qui a raccontare la mia reazione alla vista di Andrew Scott, che ha dimostrato le sue grandi doti di attore, con un interpretazione magistrale di Moriarty.



Tutti gli anacronismi gettati qua e la dagli sceneggiatori, e l'essenza stessa dell'abominevole sposa( chiaro riferimento al suicidio di quest ultimo dal tetto del St Bartholomew's Hospital), assumono chiarezza. 


Inevitabilmete la mia ship è tornata o meglio si è risvegliata dal suo stato quiescente da ormai due anni;  è una cosa che accomuna molti noi del fandom, ma dico ne vogliamo parlare? Il palese flirtare di Moriarty con Sherlock, l'ennesima strizzata d'occhio omoerotica. è proprio vero "Dead is the new sexy"!! 


La comparsa di Moriarty, segna il pararello temporale tra passato e presente e quei due genii che sono Moffat e Gattis, non potevano che rendere inaspettato e del tutto imprevedibile il "risveglio" di Sherlock. Ritroviamo infatti i nostri personaggi, su quell'aereo che ha visto concludere la terza stagione nel 2014. 
La battutta di Moriarty farà luce alla vicenda: "E' abbastanza sciocco per te? Abbastanza gotico, abbastanza folle perfino per te? Non ha senso, Sherlock, perché non è reale".
Infatti tutta la vicenda si è svolta nel Palazzo Mentale di Sherlock (che genialata!! altro che scimmiette che battono i piatti dentro il mio cervello ahahahahah), il luogo in cui il nostro detective sotto l'effetto di sostanze stupefacenti (ahimé), si rifugia per scoprire la verità. 




È questo il senso, la vera essenza dell'abominevole sposa. Dietro a riferimenti di tipo femminista e tra questi spiccano le figure di Mary Morstan, della cara Mr Hudson, il fulcro della trama è in realtà riferito a quello che è un processo psicologico della figura di Sherlock, la cui figura di Moriarty, rappresenta la sua parte oscura, una parte che ognuno di noi possiede e che spesso teme, rendendola più forte. il percorso di Sherlock è quello che potrebbe affrontare ciascuno di noi, perché spesso è l'idea della paura stessa a non farci comprendere appieno la realtà.


Sherlock Holmes: I saw you die. Why aren't you dead?
Moriarty: Because it's not the fall that kills you, Sherlock. Of all people, you should know that, it's not the fall, it's never the fall. It's the landing!





Non esistono parole sufficientemente adatte a descifere si tanta epicità di un film del genere. 90 minuti di puro idillio, di magnificenza e non posso che inchinarmi di fronte a quelle menti che sono Steven Moffat e Mark Gattis. 
La trama, le battute mai fuori luogo, l'ironia, il messaggio, lo sfondo dell'età vittoriana, tutto è stato creato e impostato perfettamente, senza sbavatura alcuna.  
Adesso non ci tocca che aspettare un altro anno prima di vedere ancora la nuova stagione di questa incredibile e mai scontata serie! 


Sherlock Holmes: Every great cause has martyrs. Every war has suicide missions and make no mistake, this is war. One half of the human race at war with the other. The invisible army hovering at our elbow, tending to our homes, raising our children. Ignored, patronised, disregarded. Not allowed so much as a vote. But an army nonetheless, ready to rise up in the best of causes. To put right an injustice as old as humanity itself. So you see, Watson, Mycroft was right. This is a war we must lose.



Voto: 5/5 Perfetto sotto ogni aspetto *-*









Che dirvi, spero che questa idea di questa nuova rubrica vi piaccia e se vi va suggeritemi qualche titolo di film, sarò ben lieta di ascoltare i vostri consigli e farvi sapere che ne penso 


Cineaddictamente vostra


-Angel <3









0 commenti:

Posta un commento